6 Aprile, 17:30 – 19:00

Una riflessione sul carattere creativo, etico ed estetico, della distanza. Attraverso i prismi dell’immagine cinematografica, letteraria e storico-filosofica, gli interlocutori indagheranno le forme retoriche, associative e immaginative della distanza, paragonando stili, paradigmi, universi simbolici, discorsività occidentaliste e orientaliste di relazione all’ignoto, allo sconosciuto e al diverso. Intervengono: Louis Armand (università di Praga), Luca Pes (Cà Foscari), Denis Brotto (UniPd). Modera: Vincenzo Romania (UniPd).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *