5 Aprile, 21:00 – 23:00

[metadata name=’IR_title’]

  • [exclude]Protagonisti:[/exclude]

    Francesco Maino

    [exclude]Luoghi:[/exclude] [exclude]Eventi:[/exclude] Francesco Maino (1972) è avvocato e scrittore. Nel 2013 il suo romanzo d’esordio “Cartongesso” vince il premio Italo Calvino, venendo pubblicato da Einaudi l’anno successivo. A partire dal 2014 gira l’Italia con un reading ad esso ispirato, sonorizzato dai Margareth e arricchito dai visual di Marco Maschietto. Nel 2015 è tra i co-fondatori …

    Posted in Archiviato, Protagonisti | Tagged | Leave a comment

    Marco Maschietto

    [exclude]Luoghi:[/exclude] [exclude]Eventi:[/exclude] Marco Maschietto (1985) è regista e visual artist. Per circa un decennio ha stretto un’attiva collaborazione, come redattore e video maker, con Radio Sherwood e Global Project. A partire dal 2014 accompagna con le sue proiezioni i reading letterari di Francesco Maino, sonorizzati da Paolo Brusò.

    Posted in Protagonisti | Tagged | Leave a comment

    Max Collini

    [exclude]Luoghi:[/exclude] [exclude]Eventi:[/exclude] Max Collini (all’anagrafe Massimiliano, classe 1967, ariete, celibe) è stato per circa undici anni la voce narrante e l’autore dei testi degli Offlaga Disco Pax, collettivo neosensibilista di Reggio Emilia in cui ha militato dalla sua fondazione avvenuta nel 2003 fino allo scioglimento, seguito alla dolorosa scomparsa di Enrico Fontanelli nel 2014. Con …

    Posted in Archiviato, Protagonisti | Tagged | Leave a comment

    Paolo Brusò

    [exclude]Luoghi:[/exclude] [exclude]Eventi:[/exclude] Polistrumentista e compositore. Lavora nell’ambito delle sonorizzazioni per progetti patrocinati da enti pubblici e privati. Canta e suona la chitarra nei Margareth, con i quali ha scritto e pubblicato tre EP e i due full lengths “White Lines” (2010, Macaco Records) e “Fractals” (2012, Macaco Records). A partire dal 2014 collabora alla sonorizzazione …

    Posted in Archiviato, Protagonisti | Tagged | Leave a comment
  • [exclude]Luoghi:[/exclude]

    Centro Culturale San Gaetano

    [exclude]Protagonisti:[/exclude] [exclude]Eventi:[/exclude] Il Centro Culturale San Gaetano è l’agorà di Padova. Spazio nato nel 2008 dalla ristrutturazione dei vecchi tribunali, conta 12000 metri quadrati aperti al pubblico. Pensato su cinque livelli, innumerevoli sale dedicate a mostre, concerti, spettacoli, convention e una attività quotidiana rivolta a universitari e studenti in genere, con una biblioteca e il …

    Posted in Luogo | Tagged | Leave a comment

Doppio Spettacolo all’insegna del Reading di eccezione. Dalle ore 21.00, Francesco Maino e il suo “La Forza LAvoro”:
Il titolo “la forza lavoro” rende (4%) alla Borsa delle Lettere la sommersa semantica di tre “interessanti” oggetti immateriali: una prefestiva sesta nota (la…?), la modestia della Finanza giovine (forza…?), una teoria gender della Dignità (lavoro…?); la combinazione alchemica degli obietti disvela, come “il sogno di un’ombra”, l’inesplorata e misteriosa: “laforzalavoro”, straparola global, “altrove” dispolitico, “loco scemo”, tragedia a voucher… EBBENE: le voci di alcuni scrittori del modernariato italiano – Parise, Bianciardi, Volponi – proveranno a “uccidere il capro” e servire a mo’ di libro-corda-imago il sindacato al sangue, il capitale al dente, il lavoro in brodo… nel mondo de “laforzalavoro” (tuttattaccato…) l’autocoscienza dei lavoratori rivive in endovena, giuliva, con l’automazione… e le Muse, ovviamente, si fanno vegane…
con Francesco Maino, Paolo Brusò (musiche) e Marco Maschietto (video).

A seguire Max Collini reciterà – in perfetta solitudine – i racconti che ha scritto in prima persona e che più hanno caratterizzato il suo percorso artistico, dagli Offlaga Disco Pax a Spartiti. Insieme ad essi verranno rivisitati anche alcuni testi degli autori contemporanei più amati e che hanno significativamente influenzato la sua scrittura, oltre a qualche inedito rimasto fino ad oggi solo sulla carta. Ascolterete storie ironiche, personali, intimissime, universali. Non ne resterete indifferenti, perché nessuno resta indifferente quando incontra la parte di sé che credeva di avere perso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *