Categoria: Luogo

Sala dei Giganti


La sala dei Giganti rappresenta la seconda sala di spettacolo per numero di posti a sedere della città di padova.
Fu, dalle origini, uno dei principali ambienti della corte carrarese. Affrescata nei secoli dai migliori artisti, ha visto gli interventi di personalità artistiche quali Altichiero de Zevio, Jacopo Avanzo, Gualtiero Padovano, Giuseppe Porta Salviati, di formazione centro italiana e dell’olandese Laber Sustirs.
Sotto i Signori di Venezia che la ristrutturarono nell’ambito di una generale messa in utilizzo degli ambienti Carraresi, vide nel 1500, sotto la guida del Capitano di Padova Girolamo Corner, di una modifica agli affreschi, rappresentati grandi personaggi del passato, da Romolo a Carlo Magno.
Da sempre legata alla vita universitaria fu in principio ambiente di Gala adempito a feste e balli degli studenti patavini, poi dal 1631 al 1912 servi come biblioteca universitaria.
L’ultimo restauro, terminato nel 2008, ci dona uan delle sale di maggior respiro artistico , ambita come location di spettacolo da artisti di levatura nazionale e internazionale.

Libreria Zabarella

La libreria Zabarella è fulcro di una mirata e qualitativamente rilevante attività culturale. All’interno di palazzo Trevisan, stesso edificio quattrocentesco che ospita il Centro universitario Padovano, è attiva nell’organizzazione di presentazioni di autori legati soprattutto alla editoria indipendente, non disdegnando ospiti di livello internazionale.
Tra le iniziative più interessanti e meglio riuscite il Sabato dei Villaggi, una serie di incontri volti a presentare le opere di autori emergenti.

Porta San Giovanni

Costruita secondo un impostazione a Arco di trionfo tripartito su progetto dell’architetto Giovanni Maria Falconetto, venne portata a compimento nel 1528. Ebbe funzione militare fino in epoca recentissima, quando durante la prima guerra mondiale fu utilizzata come roccaforte/stazionamento di truppe italiane.
Da anni, attraverso al gestione di associazioni supportati dal Comune, ospita mostre artistiche legate soprattutto alle arti figurative, o concerti, la maggior parte dei quali a ingresso gratuito.